IN FORMA

Montagnaterapia, 5 motivi per passare il proprio tempo libero in montagna

LEGGI IN 1'

La montagna ci affascina e ci fa pensare a un luogo incontaminato in cui trascorrere parte del nostro tempo libero. In Italia, il termine “montagnaterapia” è stato usato a partire dalla fine degli anni ’90.

Da allora, si sono tenuti alcuni convegni e sono stati promossi dei progetti rivolti a persone con problemi psichici o dipendenze, disabili, non vedenti, persone emarginate, ma la platea degli utenti comprende anche chi ha subito trapianti o soffre di patologie cardiache, respiratorie, oncologiche e metaboliche o in alcuni casi anche chi non ha particolari problemi.

Le iniziative sono state curate da alcune strutture sanitarie pubbliche, come l’asl di Rieti e quella di Bergamo in collaborazione con il Cai (Club Alpino Italiano) e da associazioni accreditate o altre istituzioni, dunque da esperti e volontari formati. Le attività sono molteplici e vanno dai lavori sul gruppo alle escursioni e all’arrampicata sportiva.

Al di là dei problemi specifici di cui si interessa la montagnaterapia unitamente agli altri percorsi terapeutici, tutti noi possiamo godere della montagna: nella fotogallery in alto passiamo in rassegna 5 motivi per passare un po’ del nostro tempo libero in questo ambiente dove, certo, non mancano difficoltà e pericoli per i quali bisogna essere prudenti.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta