VISO E CORPO

Come esfoliare la pelle prima di una ceretta in modo semplice

LEGGI IN 2'

A noi donne piace essere e sentirci belle e il momento della depilazione è un rituale irrinunciabile per farci sentire più a nostro agio con la femminilità del nostro corpo. La beauty routine della ceretta, tanto brava a rendere la pelle liscissima, può tuttavia favorire infiammazioni e irritazioni, come la tanto temuta follicolite o i peli incarniti.

Per ridurre il problema, oltre ad essere perfette nell'igiene e disinfezione delle parti trattate, è sempre una buona idea agire esfoliando la pelle prima del trattamento epilatorio. In questo modo possiamo eliminare tracce si sporcizia e cellule morte e ridurre così il rischio di infezione, ma anche "stanare" la peluria sottocute.

Per esfoliare la pelle prima di una ceretta, è essenziale innanzi tutto calendarizzare il quando. Il motivo è semplice. Non è consigliabile sottoporre la cute a due trattamenti stressanti uno di seguito all'altro, perché corriamo il rischio che si creino ferite, piaghe e irritazioni.

L'esfoliazione va fatta uno o anche due giorni prima in caso di pelle sensibile, agendo sull'area in modo meccanico o chimico. Nel primo caso dovremo dotarci di uno strumento che agisce per strofinamento, come il guanto di crine, la spugna Konjac o anche uno scrub per il corpo.

La pelle va preventivamente sciacquata con acqua calda, in modo che si aprano i pori e poi sfregata con movimenti circolari per favorire la pulizia dalle cellule morte o anche la fuoriuscita dei peletti incarniti, nati magari dopo la precedente epilazione.

Se optiamo per l'esfoliazione chimica dovremo invece ricorrere all'utilizzo di prodotti a base di acido glicolico, acido salicilico o acido mandelico. In questo caso l'effetto esfoliante non è meccanico, in quanto si applica la soluzione sull'epidermide e si attende che svolga la sua azione. È normale sentire la pelle pizzicare o tirare e vuol dire che il prodotto sta agendo.

Rispettiamo sempre i tempi e modi di posa di questi cosmetici a base chimica, così da non correre il rischio di irritare troppo la zona trattata. Rimandiamo la ceretta anche di qualche giorno se ci rendiamo conto che la cute è arrossata o alterata.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta